Racconto

Lost in Prealps

Un lungo trail da percorrere con una mountain bike o con una gravel attraverso le Prealpi Trevigiane

testo di Manuel Gatto, foto di Tommaso Meneghin e Christian Bazzo

09/05/2018
7 min

Lost in Prealps è prima di tutto un’esperienza. La condivisione di una forte passione per la bicicletta, per l’esplorazione delle montagne al margine dei flussi turistici. Non è una competizione sportiva ma un raduno di appassionati delle due ruote: bikepackers, amici, conoscenti, pedalatori alle prime armi, chiunque desideri cimentarsi in autonomia su un percorso di 200 km e 6000 metri di dislivello attraverso le Prealpi trevigiane. Dal Monte Grappa al Cesen, dal Visentin fino alla foresta del Cansiglio, percorrere queste strade significa scoprire luoghi di natura selvaggia e panorami mozzafiato con scorci a nord sulle Dolomiti e a sud su Venezia ed il Mar Adriatico. Il percorso si sviluppa per la maggior parte su strade poco trafficate, mulattiere e sentieri offrendo a tutti gli appassionati di bikepacking la possibilità di conoscere e scoprire queste montagne in pochi giorni. L’appuntamento è per il 23 giugno 2018 a Castelfranco Veneto.

Le Prealpi trevigiane, un territorio tutto da esplorare, selvaggio e primitivo

Le Prealpi trevigiane sono una catena montuosa che si estende tra la Val Belluna a nord e la pianura trevigiana a sud. Lungo questa dorsale che collega il Monte Grappa al Pian di Cansiglio si innalzano cime più o meno conosciute come il monte Cesen ad est, i monti alle spalle di Cison tra cui il Col de Moi, passando per il monte Cimone, il Colle Agnellezze, su e giù per il sentiero delle creste fino al Col Visentin, il più maestoso tra tutti con i suoi 1760 metri di altitudine.

L’origine di questo territorio risale a circa 180 milioni di anni fa. Nel Giurassico queste zone erano sommerse da un grande mare che costituiva il bacino bellunese, in questo periodo vi fu la formazione rocciosa con la deposizione delle dolomie, i calcari bianchi e rossi visibili tutt’ora tra la famosa valle del San Boldo e il paese di Miane. Nei successivi periodi storici tutta l’area delle Dolomiti e Prealpi cominciò a sollevarsi, da quel momento iniziò il lungo processo di conformazione e modellamento di tutte quelle creste, cime e valli che tutt’ora formano il colorato e selvaggio quadro panoramico delle Prealpi Trevigiane.
Pensando alla loro storia, ci sentiamo piccoli e a tratti insignificanti, questo territorio tutto da esplorare è selvaggio e primitivo; non si può dire di conoscerlo dopo qualche trekking domenicale, non si può dire di averlo scoperto neanche dopo anni di cammino nei suoi sentieri. Nemmeno chi, sui pratoni del Cesen porta ogni estate le vacche al pascolo è sicuro di aver esplorato ogni angolo di queste montagne. Nel mio caso, credo di aver appena iniziato ad assaporare tutto questo.

Tra le montagne che fin da piccolo vedevo alle mie spalle

Ho 28 anni e da circa metà della mia vita ho iniziato a pedalare e camminare nel territorio che mi sta intorno, in particolare tra le montagne che fin da piccolo vedevo alle mie spalle, e che da lì a poco divennero parte importante dei miei fine settimana.
Quante volte da bambini abbiamo sentito la necessità di uscire e scoprire cosa c’era lì fuori? Quanti sogni in cui noi eravamo i giocatori, e il mondo il nostro tavolo da gioco?
Per me sono stati molti, è per questo che ho deciso di scoprire la parte più accessibile prima di affrontare lunghi e dispendiosi viaggi all’estero, vedere il territorio in cui vivo, quello in cui sono nato. Lost in Prealps nasce proprio da questo desiderio, dalla necessità di esplorare le montagne che vedevo dalla cucina di casa fin da bambino. Le tre cime che ammiravo in lontananza erano lì, ad abbracciare il Crodon del Gevero noto per il suo più famoso bivacco Ai Loff, un grazioso riparo incastonato su di un perfetto balcone di roccia con vista sulla pianura.

Dal Monte Grappa al Cesen, dal Visentin fino alla foresta del Cansiglio.
200 km e 6000 m di dislivello.

Un trail da percorrere con una mountain bike o con una gravel

Da piccolo attraversare tutto l’arco prealpino per raggiungere queste montagne mi sembrava impresa epica, poi nel tempo, appassionandomi di trekking ma ancor di più di trail e viaggi in bicicletta, l’obbiettivo fu sempre più vicino.
Ricordo che un giorno preparai la mia Riding in Circles e le mie borse da bikepacking, presi il treno fino a Bassano del Grappa e in solitaria cominciai a percorrere il mio percorso ideale.
Avevo solo immaginato come potesse essere pedalare per duecento chilometri su quei monti, ma avevo pianificato in modo dettagliato tutti i punti d’interesse, le zone panoramiche e i tratti di strada legati in qualche modo alle nostre tradizioni. Fu una sorpresa vedere dal primo all’ultimo chilometro le imponenti Dolomiti a nord e la vasta pianura trevigiana a sud, lo spettacolo del tramonto con i suoi molteplici colori e l’alba con quella sua tenue foschia che accentua i rilievi e la profondità dei paesaggi.
Decisi che quel percorso doveva diventare un riferimento, un trail percorribile con una mountain bike o con una gravel, Lost in Prealps doveva regalare a tutti gli appassionati quello che aveva regalato a me in quei due magnifici giorni.

Perdere il senso del tempo in mezzo alla natura

Perdersi tra le Prealpi è una metafora, significa perdere il senso del tempo in mezzo alla natura, lasciarsi trasportare ed inseguire i profumi del sottobosco, significa esplorare i propri confini.
Come possiamo non fermarci ad ammirare i diversi tipi di vegetazione che caratterizzano queste montagne? Dalle colline con le coltivazioni di prosecco, ai boschi di carpino nero, tiglio e acero fino alle faggete e le conifere. Un insieme di diversi colori e strutture che si dirada nelle cime più alte con prati in fiore occupati nelle stagioni più calde da pascoli di vacche e pecore.
Perdersi tra le Prealpi significa anche assaporare i prodotti che queste terre, con l’aiuto dell’uomo e degli allevamenti, possono offrirci. Le malghe sono parte integrante di queste zone, punti cardinali per chi, oltre al piacere dei bellissimi panorami, gode nel assaporare i gusti tradizionali come i formaggi e i salumi che in quota si sa, hanno tutto un altro sapore.

Lost in Prealps è tutto questo. Un weekend tra amici nei due giorni più lunghi dell’anno, nel solstizio d’estate. Si parte il 23 giugno 2018 da Castelfranco Veneto, in totale autonomia, per raggiungere il rifugio Posa Puner il fulcro dell’evento, seguendo la traccia GPX consigliata. Il “raduno”, sul monte Cesen, sarà il punto di incontro dei partecipanti, luogo perfetto per una pausa, una birra in compagnia o un pasto caldo.

Tutte le informazioni necessarie per partecipare a Lost in Prealps si trovano nel sito web www.lostinprealps.com e tutti gli aggiornamenti nei social network Facebook e Instagram.
Un ringraziamento speciale a chi supporta il progetto: Elastic Interface, si Riding in Circles, Oxeego. Ai partners: The Pill Magazine e i fotografi Tommaso Meneghin e Christian Bazzo.

Decisi che quel percorso doveva diventare un riferimento, un trail percorribile in mountainbike o con una gravel
Manuel Gatto

Manuel Gatto

Appassionato di autodidattica coltivo le mie passioni cercando di incastrarle nella vita quotidiana. La distanza è la bicicletta, l’andare piano i miei piedi, l’adrenalina la mia tavola da snowboard. Rincorro mille idee riuscendo a volte, in qualcosa di serio. Lost in Prealps è una di quelle, scrivo delle Prealpi Trevigiane e dell’esplorazione in bicicletta sperando di vedere un giorno cicloturisti e bikepackers immersi nel verde di queste meravigliose e selvagge montagne godersi sereni, un cielo colmo di stelle.


Link al blog

Esplora altre storie

«Vaffanculo a quella volta che ti ho conosciuto, Spit. Vaffanculo a te, all’Agner, al... «Vaffanculo a quella volta che ti ho conosciuto, Spit. Vaffanculo a te, all’Agner, al mio compleanno... ...

Hai strappato la tua laurea in Giurisprudenza, hai regalato i vestiti firmati che ti... Hai strappato la tua laurea in Giurisprudenza, hai regalato i vestiti firmati che ti facevano... ...

Liberi di sbagliare… ricordo assai bene, toccandomi le cicatrici in varie parti del corpo...... Liberi di sbagliare… ricordo assai bene, toccandomi le cicatrici in varie parti del corpo... ...

Non ci posso credere! I ragazzi si riprendono immediatamente ma l’umore è cambiato. Potrei piangere... Non ci posso credere! I ragazzi si riprendono immediatamente ma l’umore è cambiato. Potrei piangere o, forse, è solo una mia associazione perché sento delle...

La valle Adamè è un terrazzo infinito che punta al Pian di Neve. La... La valle Adamè è un terrazzo infinito che punta al Pian di Neve. La raggiungo percorrendo un veloce sentiero che sale ripido fino al...

Dipingevo montagne ma sono un tipo di pianura, e i miei paesaggi sono ciò... Dipingevo montagne ma sono un tipo di pianura, e i miei paesaggi sono ciò che resta degli orizzonti di un tempo. ...

Non c’era altro che bianco intorno a me. Tra la nebbia e la neve... Non c’era altro che bianco intorno a me. Tra la nebbia e la neve a stento riuscivo a distinguere gli spogli rami degli alberi....

Sulle montagne ci andasti scalzo. I tuoi piedi si fecero erba, neve, roccia. Il... Sulle montagne ci andasti scalzo. I tuoi piedi si fecero erba, neve, roccia. Il tuo incedere agile di balzi. Per sedici anni casa tua...

A seguito dello sbarco degli americani in Sicilia, la valle dell’Adige e le valli... A seguito dello sbarco degli americani in Sicilia, la valle dell’Adige e le valli adiacenti... ...

La sosta era appesa nel posto peggiore di tutta la torre. Sotto il culo... La sosta era appesa nel posto peggiore di tutta la torre. Sotto il culo sprofondava quel vuoto nauseante e sopra di noi c’era appena...

Filtra le storie...

PERSONE
ESPLORAZIONI
BLOGGER CONTEST
+ AZIONI
Esplora!