Racconto

Quella tragedia che porti con te

La mia immagine spezzata. Il mio corpo in braccio alla mia anima, in balìa del mio...

testo e foto di Francesca Nemi  / Roccasecca (FR)

Along borders
21/11/2017
4 min

La mia immagine spezzata. Il mio corpo in braccio alla mia anima, in balìa del mio Barabao feroce. Tormentato ancora dal riflesso asincrono del mio corpo allo specchio; curvo e debole com’ero nei pensieri e nelle gambe.

Mi concedo stordito a questo dormiveglia dell’anima. Sporcato, per sempre, dalla melma di giorni andati; giorni schiacciati da un’agitazione di amanti morbosi e da deliranti azioni struggenti, oserei dire violente.

Ricordo quella giornata dubbia poco prima di Natale. La via altissima in cui, quella mattina, andavo intrecciando il destino che mi ha fatto sbagliare i passi e l’appoggio forte e sicuro alla roccia.
Il cielo di un azzurro profondissimo, il lieve rumore d’acqua altrove.
La manovra in corda. La mente che la insegue, che confonde i gesti, si attarda altrove, poi torna alla corda. Batte il cuore in un breve sospiro. Una cupola là in alto si frantuma in grandi scaglie. Una pioggia malefica mi aggredisce. Frammenti clandestini mi costringono a terra. Le mie parole alte, dette a voce bassa, risuonano in quel momento prive di grandezza e calma. Mani stordite, dita tumide. La mente in piena.

Il mio orgoglio lapidato dalla sconfitta della caduta.

Mi duole in bocca un sapore dolce, mentre, rintronato dallo strepito di quel ghiaione bianco smembrato, un oscuro livido silenzio mi abbraccia steso a terra.
La febbre che infine si smorza altrove. Sono liberato ma forse perduto per sempre.

Immagini smunte e fuori fuoco. Particolari informi di un’anima molle, la mia.
E dormo ancora quei momenti, alla mia maniera, senza sonno né riposo. Vegeto di rimorsi e costrizioni inutili da non darmi quiete in cuore. Sono l’indefinita ansietà di un oppio colato sul fondo della mia anima torta. Imbrigliato ancora a quella corda inoffensiva, abbandonato sulle strade di sensazioni divergenti.

Logo Blogger Contest2017_300x175
Il rischio di perdermi in ciò che amo e l’ardire di sbagliare non lo voglio perdere.
Passo Cavuto, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
Citazione di Claudio Miccoli, rifugio di Forca Resuni, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
Passo Cavuto, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Citazione di Claudio Miccoli, rifugio di Forca Resuni, Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

E stanco oggi, chiudo le imposte della mia mente, estrometto dall’eredità dei ricordi quei momenti, solo così per una giornata riavrò le mie gambe e la mia libertà sulla vetta dove torno a sdraiarmi.

Brecce incurabili. La consapevolezza di quella melma vischiosa che ho già oltrepassato.

Non sapevo niente, né giorno né ora in cui sarei stato disceso in quel corpo di pietra. Ho dilapidato l’attesa perché non l’avevo riconosciuta. E solo allora ho scoperchiato l’immagine di me stesso, la coscienza di un essere estraneo che niente riuscirà a raschiar via. Ne sentirò accanto il fragore dei passi, l’eco profondissimo internamente, ogni qualvolta salirò sulla croce di vetta.

La sofferenza e il tedio inquieto di quei giorni furono tremendi, ma ora lacero la tela dei ricordi, inabissando la sorda lotta con la ragione, perché il rischio di perdermi in ciò che amo e l’ardire di sbagliare non lo voglio perdere.

Agire, questa è la vera intelligenza. Viviamo attraverso la nostra volontà.
Grigi di gesti che abbiamo solo sognato, non tocchiamo la vita neanche con la punta delle dita.

La mia tragedia è questa. Lo ripeto a me stesso.

“Voglio arrivare, quanto posso, lontano,
 attingere la gioia che ho nell’anima,
e cambiare i limiti che conosco,
e  sentirmi crescere la mente e lo spirito.
Voglio vivere, esistere, “essere”,
e udire le verità che sono dentro di me.”
(Direzioni Nuove – Doris Warshay)

Racconto liberamente ispirato da “Il libro dell’inquietudine” – F. Pessoa

Francesca Nemi

Francesca Nemi

Vivo a meno di un'ora di macchina dal Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, principale teatro delle mie giornate in montagna. Coltivo anche altre passioni, molte sono in attesa. Simpatizzante dei cambiamenti.


Il mio blog | Oltreilvalico.com è uno zibaldone incompiuto di foto e scritti (ad oggi pochi direi!) in attesa di una forma che vorrei. Talvolta scrivo, talune altre volte preferisco le foto alle parole. Cancello il più dei miei racconti. In rari casi tornano, in altri casi invece finiscono persi nella memoria del mio PC.
Link al blog

Esplora altre storie

E' una vita che viaggiamo. Io e te, ancora una volta. Insieme abbiamo scalato la vetta... E' una vita che viaggiamo. Io e te, ancora una volta. Insieme abbiamo scalato la vetta del Chacaltaya, calcato i ghiacciai perenni d'Islanda, affrontato la foresta...

A volte addirittura prende a calci l'uscio per reclamare che gli sia aperto e... A volte addirittura prende a calci l'uscio per reclamare che gli sia aperto e non per entrare ma per rapire. Entrerà poi come un...

Lo senti? Arriva di lato... no, mi aspetta laggiù. Ora se n'è andato... Ecco... Lo senti? Arriva di lato... no, mi aspetta laggiù. Ora se n'è andato... Ecco che torna... ...

La prima cosa che ti colpisce è che quei lupi, magri, solitari, a coppie... La prima cosa che ti colpisce è che quei lupi, magri, solitari, a coppie nemmeno troppo vicine, sono fuori dal nostro mondo, fuori dalla...

Proprio lì accanto alla tazzina sporca di caffè e a quella sigaretta che aveva... Proprio lì accanto alla tazzina sporca di caffè e a quella sigaretta che aveva appena avvelenato i miei polmoni. Decisi che avrei affrontato la...

Ci sono luoghi che vorremmo facessero da sfondo alle nostre narrazioni, ce ne sono... Ci sono luoghi che vorremmo facessero da sfondo alle nostre narrazioni, ce ne sono altri che ne diventano straordinariamente i protagonisti. La pista da...

Nel libro esordio “Luce rubata al giorno” di Emanuele Altissimo, in una baita tra... Nel libro esordio “Luce rubata al giorno” di Emanuele Altissimo, in una baita tra le montagne valdostane, due fratelli cercano un rifugio al dolore...

Liberamente ispirato alla salita alla vetta del monte Velino (2487 m): la bella signora... Liberamente ispirato alla salita alla vetta del monte Velino (2487 m): la bella signora conquistata in un afoso sabato d’estate ...

Nel racconto di Armin l'incontro con la montagna e l'alpinismo dal sapore antico, fuori... Nel racconto di Armin l'incontro con la montagna e l'alpinismo dal sapore antico, fuori moda. "E l'avventura finisce quando sei tu a non crederci...

Un tour unico, diverso, dove la musica è connessa alla natura e il pubblico... Un tour unico, diverso, dove la musica è connessa alla natura e il pubblico è invitato a camminare e scoprire dei luoghi, come parte...