Racconto

Ora vi spiego come e perché ho iniziato a viaggiare da sola

testo e foto di Serena Granata  / Bergamo

Vista della città di Porto – gennaio 2018
30/12/2018
5 min
logo blogger contest2018_ita_senza feccia
Tutto ciò che mi sono messa a fare da sola è iniziato per condizione e per scelta, una via di mezzo tra un obbligo liberatorio e una scelta costretta.

Nei viaggi, l’obbligo è arrivato dalle questioni fisiologiche della vita di una single ultratrentenne, che sola si ritrova a fare tante cose; la scelta è arrivata da un luogo: la Cornovaglia. Un luogo completamente slegato dai miei luoghi di sempre e a cui non avevo mai pensato finché nel 2015 l’ho vista scorrere sullo sfondo nel film Questione di Tempo.

Viaggiare da sola è ora per me laboratorio di ricerca, sperimentazione, conferma e invenzione. E, con il mio modesto bottino di sei viaggi in due anni, non so se viaggerò sempre sola ma spero di riuscire a riservarmi sempre un pezzettino di viaggio tutto per me.
Il mio viaggio inizia da una meta: un luogo letto in un libro, raccontato da qualcuno o visto in fotografia. E che l’abbia visto, sentito o letto diventa meta quando si fa tarlo e alimenta il prendere-e-andare.
Il tarlo comincia a lavorare ed è come se nascesse un amore. Faccio conti, cerco collegamenti, consulto guide, studio il meteo e nel giro di poco eccomi pronta a prenotare.
La meta quindi si fa obiettivo, una vera e propria missione da compiere, molla potentissima che scava in me per trovare tutto ciò che serve per arrivare, restare e scoprire.

Per convincermi dell’impossibilità di fare da sola ho sempre pronta una lista di ragionevoli dubbi: noia, stanchezza, soldi, tempo e senso.

Viaggiare mi è sempre piaciuto, ma a partire da sola, per la prima volta, mi ha convinta non solo la Cornovaglia (c’ero già stata nel 2016 con un viaggio di gruppo organizzato) ma più il provare a esasperare quell’illusione di farlo con le mie forze e vedere cosa sarebbe successo.
Mentre vagliavo budget, calendario, spostamenti ecc., ho inaugurato un diario in cui annotare tutto. E man mano che la Cornovaglia da immagine e sogno diventava programmazione e realtà, ecco arrivare i dubbi.
Per convincermi dell’impossibilità di fare da sola ho sempre pronta una lista di ragionevoli dubbi: noia, stanchezza, soldi, tempo e senso. Un gioco in cui cado regolarmente, così è stato per la Cornovaglia ma anche per l’ultima fuga a Bad Gastein.

Eppure sono partita lo stesso e, se per i primi viaggi questa lista era un macigno pesante, ultimamente è un sassolino che si fa sentire, a cose fatte, qualche giorno prima di partire. Ormai lo conosco, è un contro-tarlo che cerca di minare le mie iniziative in solitaria.
Perché più riempivo le pagine del diario pre-Cornovaglia e più sotto quella lista di impedimenti emergeva il vero problema: cosa penserà chi mi conosce di quella folle urgenza di prendere e partire da sola per un posto che non conosco, senza un vero motivo se non quello di essere lì? E subito dopo ecco la paura di tutto ciò che può capitare proprio mentre si è soli, senza motivo, in un posto che non si conosce.
Paura che, per quanto sia reale, puzza di bruciato, è troppo imparentata con l’automatica punizione che spetta a chi ha osato sfidare i fantasmi – propri e altrui – che aleggiano intorno al viaggiare soli.

Viaggiare per me è rompere gli schemi, rifugiarmi in nuovi orizzonti e ampliare la mia visuale.

In questi anni gli inconvenienti non sono mancati e forse è vero che più si esce da quadrilatero della vita di tutti i giorni più si alimenta il volume delle possibilità che accadano imprevisti. Ma la mente a volte si dà delle spiegazioni molto strane per fare o non fare qualcosa e così un lumicino mi ha convinta: ho pensato che anche a Bergamo, nella mia vita di tutti i giorni faccio tante cose da sola e la quotidianità può riservare insidie molto più impegnative di un dente rotto a Dubrovnik o un appartamento da trovare in poche ore a Spalato.

Le insidie non sono solo accadimenti improvvisi, si nascondono anche nella ripetitività di azioni, pensieri, incontri e luoghi o nello scorrere del tempo, che se non viene spezzato con nuovi luoghi e fughe, resta lì a girare inutilmente su se stesso ipnotizzato dal ciclico svolgersi della settimana-tipo.

Se viaggiare per me è rompere gli schemi, rifugiarmi in nuovi orizzonti e ampliare la mia visuale, farlo da sola è sperimentarmi, immergermi completamente nei luoghi, ma  anche tornare con un bagaglio di conquiste di me e del mondo. E’ farne tesoro scrivendo e leggendo.
E’ trovare nuove combinazioni per vivere la quotidianità con le sue insidie, incluso  risvegliare il tarlo perché inizi a lavorare sulla prossima meta.

“Perché, forse, l’unica vera libertà concessaci non è intraprendere un viaggio, ma essere sé stessi e seguire la propria strada” (da Verso est. Appunti di viaggio di Matthias Canapini).

  • Penzance, Cornovaglia - giugno 2017
  • Dubrovnik - agosto 2018
Serena Granata

Serena Granata

Sono una curiosa perennemente alla ricerca. Fuggo grazie a libri e viaggi. Scrivo per esserci, tenere memoria e condividere. Vivo a Bergamo e sogno di lavorare in radio, scrivere, leggere e viaggiare di più e… gli altri non li dico se no non si avverano.


Il mio blog | Le sere nere della Sere è un gioco di parole che incrocia il mio nome e il colore di alcune sere. Nelle sere nere, di solitudine e pensieri, spesso nascono occasioni di creatività. E’ a queste sere che dedico il mio blog dove condivido ciò che scopro, vivo o leggo.
Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

Anna si è sollevata e ha visto il proprio corpo, fermo, finito entro i... Anna si è sollevata e ha visto il proprio corpo, fermo, finito entro i confini della pelle che pure prima la tratteneva. ...

Capraia, destinazione invitante per i buoni camminatori, per un weekend lungo a settembre senza... Capraia, destinazione invitante per i buoni camminatori, per un weekend lungo a settembre senza escludere ottobre con l’invitante Sagra del Totano. ...

Gli Adventure Days come li ha visti e vissuti Luca Orsini: "Con l’occhio scevro... Gli Adventure Days come li ha visti e vissuti Luca Orsini: "Con l’occhio scevro di chi vive la montagna a distanza di sicurezza". ...

"Carlo è in pensione da un po’. I ragazzi del posto lo chiamano Tuby,... "Carlo è in pensione da un po’. I ragazzi del posto lo chiamano Tuby, perché faceva l’idraulico. Scarpe grosse e cervello fino, Carlo." ...

Descrivere una persona è come fare un viaggio, puoi uscirci insieme in ciabatte, prendere... Descrivere una persona è come fare un viaggio, puoi uscirci insieme in ciabatte, prendere il caffè al bar sotto casa, e ti bastano due...

La Megafabbrica si chiama così perché lo è davvero, gigantesca, totemica, colossale. Fisicamente, col... La Megafabbrica si chiama così perché lo è davvero, gigantesca, totemica, colossale. Fisicamente, col suo parallelepipedo che occupa buona parte della valle stretta, ma...

Non si può vivere al sicuro in montagna. Questo l’ho capito. Non valgono le stesse... Non si può vivere al sicuro in montagna. Questo l’ho capito. Non valgono le stesse regole della città, nemmeno quando sei in valle e le...

"È il tramonto del 22 marzo 2082. È tornato il sole. La neve copre... "È il tramonto del 22 marzo 2082. È tornato il sole. La neve copre i tetti del paese. Il fumo è sparito, non ci...

Un castello nelle Highlands, un anziano Conte, un Segreto rimosso, un bambino che conosce... Un castello nelle Highlands, un anziano Conte, un Segreto rimosso, un bambino che conosce la Verità. Un Disastro incombente. ...

In quell’estate di undici anni fa ho stretto amicizia con un pastore. Una bella amicizia... In quell’estate di undici anni fa ho stretto amicizia con un pastore. Una bella amicizia all’ombra della dolomia. ...