Racconto

IL PASSO DI ANNA

Ancora pochi mesi e avrebbe spento 100 candeline. Anna Maria Rigoni “Haus”, moglie dello scrittore Mario Rigoni Stern, è mancata venerdì 19 novembre nella sua casa di Valgiardini ad Asiago.

testo di Andrea Nicolussi Golo

24/11/2021
2 min
So bene che tra gli amici di Mario si diceva che il vero sergente in casa Rigoni Stern era lei, Anna.

Lo so, ma io non sono stato “amico” di Mario Rigoni Stern solo il suo più oscuro scolaro, il più ignorante, quello di cui il maestro si dimentica presto il nome, se mai lo avesse imparato.

Di Anna Rigoni Haus quindi, non dirò quello che dicono gli amici di Mario, ma quello che io so di lei e dei nostri brevi e radi incontri. Dirò di quella sua pudica affettuosità così rara oggi, così frequente, invece, per la generazione di Anna.
Dirò di Anna e di me, perché infine parlando degli altri si parla sempre di  sé stessi; Anna è stata la sola persona in più di cinquanta anni che mi disse un giorno: “Peccato, dovevi avere degli occhi molto belli, quando ti è successo?”.

La sua domanda arrivò inaspettata, ma non sgradita, non sono arrossito, non ho avuto paura a raccontarle quello che non ho mai detto, avvertivo una rude dolcezza, inusuale nei rapporti tra le persone, una franchezza che tutto scopriva senza dolore.

Poi quell’incontro in Valgiardini a un anno dalla scomparsa di Mario e quel misterioso, impensato turbine di neve a giugno, rivedo il suo appoggiare il pezzo di legna sul ciocco e venire verso di me: “Nevica”. Già nevica, risposi.  Non è impossibile una folata di vento e neve i primi giorni di giugno, ma che la neve cadesse solo in quei pochi metri e che il cielo sopra Asiago rimanesse azzurro, quello sì era strano.

“Cosa ti sembra?”
“Che ci voglia salutare”.
“Dici?”

Poi si parlò di altro, della fatica di portar dentro la legna e degli anni che passano senza nessun riguardo e di mio padre che anche lui non c’era già più e che le era coscritto.

Chissà se qualcuno si sarà stupito di quella lunga carezza che mi riservò quella sera a palazzo Labia a Venezia in occasione del Premio Rigoni Stern del 2017, lei e io sapevamo perché. Ero così fuori posto, così inadatto a quel luogo suntuoso che la sua carezza è stata la scialuppa cui aggrapparmi per lasciarlo e tornare a casa.

Non ho più avuto occasione di incontrarla da allora, mi è rimasta una carezza infinita e un altro passo amico che mi accompagnerà sui pascoli alti.

Andrea Nicolussi Golo

Andrea Nicolussi Golo

Responsabile dello sportello Linguistico della Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri, collabora con l’Istituto Cimbro di Luserna/Lusérnar Kulturinstitut. Ha pubblicato il libro di racconti Guardiano di Stelle e di vacche (2010), e i due romanzi Diritto di Memoria (2014) e Di roccia di neve di piombo (2016), quest’ultimo finalista e segnalato ai Premi ITAS, Rigoni Stern e Leggimontagna. Nel 2011 è stato insignito del premio “Ostana scritture in lingua madre”. Ha vinto numerosi concorsi di poesia sia in lingua cimbra che in italiano e nel 2013, su autorizzazione Einaudi, ha dato alle stampe la traduzione in lingua cimbra del capolavoro di Mario Rigoni Stern Storia di Tönle. Nel 2016 ha pubblicato la traduzione in cimbro de "Il piccolo principe", nel 2018 la versione integrale di "Pinocchio" e nel 2021 "Il sergente nella neve". Per l’Istituto Cimbro di Luserna ha pubblicato varie favole per bambini.


Il mio blog | Sono ospite di Altitudini, dove si raccontano storie di terre, di donne e di uomini a volte di animali.
Link al blog

12 commenti:

  1. Erica ha detto:

    Che gentilezza…. Un ricordo affettuoso di una grande donna che è stata anche lei protagonista e custode del nostro periodo storico. Complimenti sempre ad Andrea NG

    1. Andrea ha detto:

      Grazie Erica. Grazie.

  2. maurizio boschiero ha detto:

    Che poesia Andrea, che umiltà dentro di te e nelle tue parole. Sempre da imparare tanto da uomini rari come sei tu. Mi sono commosso, e dentro a quel velo che ho davanti confondo le cose e rumori di casa. Perché vorrei essere con te e carezzarti timidamente come ha fatto Anna. Grazie per quello che mi insegni. Maurizio

    1. Andrea ha detto:

      Maurizio amico, devo venire a cercarti. Promesso.

  3. Gio ha detto:

    Una volta non servivano tante parole, bastava guardarsi per capire già tutto….tu mi hai già capito vero? I drukte (scusa non so se si scrive così)

  4. Federica ha detto:

    Poche e giuste parole per descriverla. E tramite queste parole, ora posso dire di averla incontrata per un attimo anch’io. Grazie anche stavolta Andrea m

    1. Andrea ha detto:

      Grazie Federica

  5. Massimo ha detto:

    – davvero delicato come ritratto, congratulazioni all’autore.

    1. Andrea ha detto:

      Grazie

  6. Marisa Dalla Corte ha detto:

    Veramente a volte servono poche parole; gli incontri piu’ intensi sono fatti di silenzi, di pensieri che escono dall’espressione. Grazie per questo “ritratto”. Saluti cari

    1. Andrea ha detto:

      Un caro saluto anche a lei. Grazie.

Rispondi a Marisa Dalla Corte Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

"Il mondo ha una speranza e la speranza è in mano a questo nugolo... "Il mondo ha una speranza e la speranza è in mano a questo nugolo di ragazzini che vivono in sintonia alla natura sempre più...

Smise di piovere che eravamo in vista del rifugio, in un fine settimana dalle... Smise di piovere che eravamo in vista del rifugio, in un fine settimana dalle previsioni... ...

Ogni età ha la sua buona scusa, e buona stella, per fare un errore:... Ogni età ha la sua buona scusa, e buona stella, per fare un errore: a sei anni sei scusato perché... ...

"Non erano tanto i luoghi selvaggi del Canada o dell’Alaska ad attirarmi, quanto lo... "Non erano tanto i luoghi selvaggi del Canada o dell’Alaska ad attirarmi, quanto lo sferragliare dei treni merci avvicinati di nascosto." ...

Scegliamo coscientemente di non dare alla luce una nuova vita. Scegliamo invece di dare nuova... Scegliamo coscientemente di non dare alla luce una nuova vita. Scegliamo invece di dare nuova luce ad una vita. ...

A ripensarci mi viene da sorridere perchè io, oramai più di quarant’anni fa, ci... A ripensarci mi viene da sorridere perchè io, oramai più di quarant’anni fa, ci avevo provato a fare i conti con il Monte Analogo....

Nel libro esordio “Luce rubata al giorno” di Emanuele Altissimo, in una baita tra... Nel libro esordio “Luce rubata al giorno” di Emanuele Altissimo, in una baita tra le montagne valdostane, due fratelli cercano un rifugio al dolore...

Ho paura di perdere qualcosa. Ho paura di smarrire qualcosa, adesso, l’unica parte pulita che... Ho paura di perdere qualcosa. Ho paura di smarrire qualcosa, adesso, l’unica parte pulita che definisce l’esistenza. Corro nell’aria livida, contro un cielo colmo di bestemmie...

"Un buon racconto è Vivo, scoppiettante e pronto a scaldarci, come il fuoco del... "Un buon racconto è Vivo, scoppiettante e pronto a scaldarci, come il fuoco del bivacco nella notte” Luisa Mandrino, presidente di Giuria del Blogger...

Sono solo trentaquattro anni che salgo al Rifugio Andolla, penso di esserci stato circa... Sono solo trentaquattro anni che salgo al Rifugio Andolla, penso di esserci stato circa ottanta volte e di averci dormito più di quaranta. Perché...