Recensione

WAWONA E I CANI BLU #4

Una storia illustrata di Chiara Abastanotti che parla del rapporto fra natura e società, che aggiunge un importante tassello al mondo fantastico di Appuntamento all’albero morto.

Recensione di Davide Torri, illustrazioni di Chiara Abastanotti

13/07/2022
4 min
Avete sei euro? Con questa piccola cifra vi mettete nello zaino un grande libro per gli occhi e per il cuore.

È la quarta lettura per questa estate da piaghe d’Egitto. E chissà che non vi protegga da loro.

WAWONA E I CANI BLU

Un fumetto? No, un piccolo catalogo di opere d’arte, colorate, visionarie, magiche. Un elegante quaderno che ci pulisce gli occhi ci ricorda il primo Miyazaki con la sua Nausicaä e ci riporta ai suoni del misticismo di Battiato. Già dalla copertina capiamo che questa pubblicazione ci porterà in un mondo che è altro dal nostro ma che ci appartiene. Non il mondo dei sogni, forse quello della speranza, un mondo imperfetto ma non impossibile. Tutto questo in una manciata di pagine. E non è facile raccontare così tanto in così poco. Ma Chiara anche questa volta ce la fa. Si, perchè Wawona e i cani blu è un prezioso capitolo che si aggiunge ad un precedente lavoro della illustratrice bresciana[1].

Qua la foresta è qualcosa di positivo ma non è l’unico mondo possibile. Così la protagonista Wawona, in viaggio iniziatico con le sue compagne e compagni[2], scoprirà come nel mondo naturale, “la terra è un unico, grande organismo. Ogni sua parte (…) compete e al tempo stesso coopera con le altre”[3]. Le tavole piene di colore e immagini simboliche, così come le parole del maestro Siconio, accompagnano Wawona[4] fino ai confini della foresta dove potrà diventare adulta, incontrare l’inaspettato e scoprire come la Natura sa essere più giusta dell’uomo.

Le pagine di Wawona e i cani blu ci dicono come Chiara Abastanotti abbia uno stile proprio, con un tratto che non ammette ripensamenti, derivato dalle esperienze che la disegnatrice spartisce con gruppi musicali e compagnie teatrali: alcune tavole hanno una vita propria; eppure, insieme si prestano ad una sinfonia perfetta.

Due righe anche per la casa editrice bresciana Maledizioni: abbiamo già presentato qui su altitudini qualcosa dal loro catalogo in passato. Il piccolo libro della Abastanotti è nella collana I Finestrini: un’altra avventura creativa quanto coraggiosa di Luigi e Nadia da sostenere assolutamente. Con sei piccoli euri.

Chiara Abastanotti

_____
[1] Appuntamento all’albero morto. Lapislazuli. 2019

[2] L’autrice sceglie, nei dialoghi, la U neutra. Le/i ragazze/i del Popolo dei Pioppi scelgono il genere a cui appartenere al ritorno dal loro viaggio di iniziazione.

[3] Si gioca facile: questa frase è tratta dal libro di Aldo Leopold, Tutto ciò che è libero e selvaggio, scritti per la salute della terra che è tra quelli da mettere, in questa luminosa estate, nello zaino. Andate a rileggervi la recensione.

[4] I nomi scelti dall’autrice per i suoi personaggi hanno tutti qualcosa da dirci. Wawona, il nome di una tra le più longeve sequoie gigante americane, Siconio, Infiorescenza e infruttescenza caratteristiche del fico che contiene sia i fiori femminili che quelli maschili e, infine, Dunlop, l’altro, quello che vive in un mondo di deserto e spazzatura riutilizzata.

WAWONA E I CANI BLU

Autore: Chiara Abastanotti
Editore: Maledizioni, 2022
Pagine: 32
Prezzo di copertina: € 6,00

Maledizioni

Davide Torri

Davide Torri

Insegnante di educazione fisica. Da diversi anni promuove iniziative dedicate alle terre alte (e anche alle montagne di mezzo). Ha prodotto documentari e spettacoli teatrali, organizzato convegni, incontri, mostre, costruito progetti di microeconomia alpina, pubblicato saggi e ricerche: il tutto dedicato alle montagne e alla gente che sopra ci vive (in pace). Collabora con altitudini da molto tempo.


Il mio blog | Scrivo su altitudini.it da molto tempo. Mi piace starci perché, nonostante sia virtuale, è un luogo dove la concretezza delle persone e delle montagne è sempre lì: da toccare.
Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

Decise così di fare della foto il suo unico segnalibro. Qualsiasi storia avesse letto,... Decise così di fare della foto il suo unico segnalibro. Qualsiasi storia avesse letto, qualsiasi nuova idea fosse uscita da quei volumi, l’espressione di...

È come se la natura, a una determinata altezza, cominciasse a espirare e si... È come se la natura, a una determinata altezza, cominciasse a espirare e si facesse vedere nuda per quello che è. È come se qui,...

Pochi mesi dopo la mia nascita mio padre portò a casa dei suoi suoceri... Pochi mesi dopo la mia nascita mio padre portò a casa dei suoi suoceri una femmina di collie bianca e nera, aveva pochi mesi...

Con 'Il Duca', ultimo libro di Matteo Melchiorre, si apre la consueta proposta estiva... Con 'Il Duca', ultimo libro di Matteo Melchiorre, si apre la consueta proposta estiva di altitudini di cinque libri da mettere nello zaino per...

"Solo loro, gli uomini, possono fare qualcosa, disse il vecchissimo genio, aprendo il suo... "Solo loro, gli uomini, possono fare qualcosa, disse il vecchissimo genio, aprendo il suo occhio che sapeva scrutare nel passato e nel presente, ma...

La mia vita è iniziata proprio così: quando ho capito che, vivere, significa prendere... La mia vita è iniziata proprio così: quando ho capito che, vivere, significa prendere parte assieme ad altri/e alla vita; condividere lo stesso ambiente...

La Valle Albano ha selve di castagni secolari dai possenti toraci ruvidi scavati dal... La Valle Albano ha selve di castagni secolari dai possenti toraci ruvidi scavati dal fuoco di incendi dimenticati, In questa valle torniamo spesso alla...

20 dicembre 2020, ore 9.20: domenica prenatalizia. Gli anziani al bar del piccolo paesello di... 20 dicembre 2020, ore 9.20: domenica prenatalizia. Gli anziani al bar del piccolo paesello di San Vittore del Lazio sembrano non accorgersi del mio arrivo....

Non sai mai cosa ti capiterà tra le mani e dove ti porterà. "Geografia",... Non sai mai cosa ti capiterà tra le mani e dove ti porterà. "Geografia", per esempio, deriva dal greco γεωγραϕία (non è affascinante già di per...

Gocce di ghiaccio timidamente fioriscono sulla barba. Erano mesi che non passavo del tempo... Gocce di ghiaccio timidamente fioriscono sulla barba. Erano mesi che non passavo del tempo seduto in intimità su una montagna accompagnato dalla consapevolezza di...