Reportage

L’avventura? Che barba! /aad #1

testo di Alessandra Longo  / Oulx (TO)

Foto di John Thornton, vincitore Arco Rock Star 2018
11/05/2018
5 min

Perché spararsi 1000 km andata e ritorno? Con al seguito moroso, amiche, bambino e cane?
Primo: sono in missione per altitudini che mi ha assegnato il premio di inviata speciale del Blogger Contest.2017. Secondo (last but not least!): dal 20 al 22 aprile c’è la settima edizione degli Adventure Awards Days.
– Che barba sti festival…
– No! Qui la barba te la aggiudichi, ma solo se sei un avventuriero!
La barba d’oro è infatti il premio assegnato a coloro che meglio concretizzano lo spirito dell’esplorazione, della libertà e dell’avventura. E qui viene il punto forte dell’evento: gli incontri con i “barbuti”, tutt’altro che barbosi. Dall’alto di una platea? In streaming traballante da chissà dove? Previa prenotazione e poi tutti in fila come al supermercato? No. Qui i contatti sono diretti, spontanei e straordinariamente coinvolgenti. Allo stage di running si corre insieme, alla sessione di yoga ci si ritrova stiracchiati fianco a fianco sul tappetino e poi si conclude la giornata condividendo una birra. Ecco il valore aggiunto che mi ha ripagato di tutti questi 1000 km.

Luca Abrisi lo incontrato così, poco prima dell’aperitivo al bar ospitato nello storico Palazzo Marchetti, sede delle proiezioni del Film Fest. Luca è un maestro di snowboard e, da non esperta degli sport invernali, potrei incappare in una gaffe o peggio nel vuoto assoluto. E invece scaturisce una valanga di parole. Fioccano i temi: il turismo sostenibile, il rapporto tra uomo e natura, la corretta rappresentazione delle attività outdoor come modalità percettiva di relazione con l’ambiente, i limiti di una comunicazione eco-friendly e green che non tiene testa alle seduzioni di un marketing dal linguaggio sempre più smaliziato. Ritrovo le parole di Luca nelle immagini del documentario The Clean Approach (prodotto da Pillow Lab in collaborazione con Associazione Humus)Un viaggio cadenzato dal ritmo delle stagioni attraverso alcune aree protette che ci aiuta riflettere sull’appartenenza umana all’ecosistema e sul concetto di “limite” nelle sue diverse forme. Penso che Luca non sia un semplice testimonial od un ambassador, come dicono quelli che se ne intendono. È un ispiratore. Le sue azioni sono mosse da passione e creano un universo di valori da trasmettere agli altri. È questa l’avventura. Non la sola esperienza, ma l’elaborazione di quel che si è fatto in linea con un progetto più ampio. Tutto da donare agli altri (www.lucaalbrisi.com).

Dino Lanzaretti nella serata inaugurale del Film Festival s’è preso 92 minuti di applausi (eguagliando Fantozzi ne “Il secondo tragico Fantozzi”). Il dato cronometrico forse non corrisponde ad esatta misurazione, ma vi assicuro che il racconto del suo viaggio in bicicletta in Siberia è stato un successo trascinante. Il segreto? Nessun divismo. E poi la grande volontà di trasmettere a tutti un messaggio. Quale? Che a -55 gradi ti gela la barba e rimani prigioniero per tre giorni dei tuoi stessi peli? No, meglio. Che tutti, anche nei nostri quotidiani spostamenti, possiamo incidere su noi stessi e sul mondo. Quindi: tutti in sella nella giornata di sabato con Dino a percorrere 80 km di sali-scendi sui fantastici percorsi bike di Garda Trentino, per percepire insieme la bellezza di un gesto rivoluzionario ed avventuroso: inforcare la bicicletta non solo come gesto strettamente sportivo, ma come mezzo onesto e meraviglioso modo per conoscere il mondo (http://dinolanzaretti.it).

“Questa volta ho voglia di studiare, di leggere tutto quello che è stato scritto dai viaggiatori prima di me, di imparare come accendere un fuoco a quelle temperature. Ho voglia di avere paura, di essere consapevole che ci possono essere un’infinità di probabilità che io non ce la faccia” – dal blog di cicloviaggi di Dino.

Dino Lanzaretti a sx e Luca Abrisi con Alessandra Longo (*) (ph. Federico Amanzio)

“Avventurarsi” spesso ha anche una connotazione di sconsideratezza. Nelle tre giornate di Festival, al contrario, l’avventura – nelle sue varie forme – ha privilegiato proprio l’aspetto di consapevolezza. Il mondo è un gran caos con un margine ampissimo di incertezza e di imprevisti (talvolta proprio per niente piacevoli) pronti a sbucare. Esplorare significa anzitutto partire con l’attitudine alla conoscenza, caricarsi un bagaglio di informazioni e costruirsi – negli anni – un kit di capacità per fronteggiare le diverse situazioni in cui si può incappare. È un percorso lungo e tutto in salita: ma agli amanti dell’outdoor questo mica spaventa, no?!
Tra gli invitati agli Adventure Awards Days 2018 c’era anche l’illustratore Jeremy Collins (ma io parlo poco e male inglese), Nicolas Favresse (ma nemmeno lui sapeva che lingua parlare in un improbabile mix tra belga, francese, spagnolo ed anglo-italiano). E poi c’erano Simone Moro ed Emilio Previtali! Ma questa è un’altra storia e ve la racconta Federico Rossetti. Con lui e Luca Castellani ho condiviso alloggio, birre, pizze… e tante tante risate!


(*) Alessandra Longo, Luca Castellani e Federico Rossetti sono i vincitori del premio speciale Adventure Awards Days. Nella veste di “inviata speciale” Alessandra aveva il compito di raccontare ai lettori di altitudini l’edizione 2018 dell’AAD che si è svolta ad Arco dal 20 al 22 aprile.

Alessandra Longo

Alessandra Longo

Vivo in Val di Susa ed ho una laurea in filosofia nel cassetto. I sogni, invece, non li chiudo a chiave. Dopo il lavoro, leggo, scrivo, disegno, cammino. A volte inciampo. Spesso in cose belle: collaborazioni, interviste e festival. Ho sempre un progetto che frulla in testa: sarà per questo che ho i capelli ricci?


Il mio blog | Fumetti, moda, pubblicità. Tutto contribuisce a creare il nostro immaginario sulla montagna. Scovo cose interessanti e ci penso su. Scrivo e poi condivido. Dal 2017 Verticales è il blog che inclina il punto di vista per aguzzare l’attenzione oltre i luoghi comuni che stereotipano l’ambiente alpino.
Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

Stiamo salendo al Monte Bianco, all’alba la nebbia ha sostituito il buio della notte... Stiamo salendo al Monte Bianco, all’alba la nebbia ha sostituito il buio della notte e poi con l’avanzare del giorno, invece di alzarsi come...

Ai lati ci sono quattro stanze, due per lato. Una è blu. Di questa... Ai lati ci sono quattro stanze, due per lato. Una è blu. Di questa non ho misure. So solo che è blu. ...

Voglio credere che finché ci saranno le pernici, fintanto che riuscirò a scorgerle o... Voglio credere che finché ci saranno le pernici, fintanto che riuscirò a scorgerle o ascoltarne il gelido canto, non tutto sarà perduto. ...

Scalare o non scalare una Montagna di un'isola, questo è il dilemma. ... Scalare o non scalare una Montagna di un'isola, questo è il dilemma. ...

Riflessioni su una fotografia a Selva di Val Gardena il 12 agosto 1911. ... Riflessioni su una fotografia a Selva di Val Gardena il 12 agosto 1911. ...

Una storia illustrata di Chiara Abastanotti che parla del rapporto fra natura e società,... Una storia illustrata di Chiara Abastanotti che parla del rapporto fra natura e società, che aggiunge un importante tassello al mondo fantastico di Appuntamento...

Sono le sere terse di novembre, quelle che più mi fanno pensare a te. Il... Sono le sere terse di novembre, quelle che più mi fanno pensare a te. Il profilo delle montagne si delinea nitido contro il cielo scuro,...

Arash “vive in un buco”. Si arrampica sull’esistenza, ansima, canticchia, sbuffa, sorride. Pedala, soprattutto.... Arash “vive in un buco”. Si arrampica sull’esistenza, ansima, canticchia, sbuffa, sorride. Pedala, soprattutto. ...

Quando la notte grondante rugiada incombeva e i profili dei monti si perdevano nel... Quando la notte grondante rugiada incombeva e i profili dei monti si perdevano nel buio, si accendevano fuochi di larice o di faggio e...

Dio camminava con il bavero del giubbotto alzato nella piazza deserta perché in quell’antivigilia... Dio camminava con il bavero del giubbotto alzato nella piazza deserta perché in quell’antivigilia di Natale l’inverno mordeva con i suoi denti più affilati......