Racconto

DONQUIFLY: CLIMB & FLY

Mirco Grasso e Stefano Lorenzon, alpinisti e piloti di parapendio, hanno un grande progetto: scalare la prete sud della Marmolada e scendere in parapendio dalla cima più alta delle Dolomiti.

testo e foto di Stefano Lorenzon

17/06/2022
4 min
L’arrampicata in montagna è una delle attività sportive che amo di più e che mi piace condividere con Mirco, il mio compagno di scalate.

Ci è capitato spesso che una volta raggiunta la cima, stanchi e appagati, il pensiero comune fosse di possedere un mezzo di teletrasporto per scendere velocemente fino al bar del parcheggio e trovare lì ad attenderci due belle birre fresche.

È il 2019 quando Mirco torna dalla Patagonia con l’idea di iniziare una nuova attività sportiva: volare in parapendio. L’ispirazione gli è venuta guardando l’amico Aaron Durogati (con cui ha condiviso il viaggio patagonico) che utilizza un parapendio leggero per la discesa, cosa che gli permette di accorciare di gran lunga i tempi di rientro e di aggiungere un pizzico di avventura alla salita.

La discesa in parapendio dalle cime che si sono appena scalate non è una invenzione recente. Jean-Marc Boivin, ancora verso la metà degli anni ’80, fu tra i primi a farlo. Memorabile rimane il concatenamento che fece di quattro pareti nord: il 18 marzo 1986 sale in solitaria in 17 ore la Goulotte Grassi-Comino sull’Aiguille Verte, la via Cornuau-Davaille sulle Droites, la via degli Svizzeri sulle Courtes e il Linceul sulle Grandes Jorasses, e soprattutto il primo volo col parapendio dalla vetta dell’Everest, il 26 settembre 1988.

Mirco inizia così il suo percorso per acquisire il brevetto di volo e poco dopo sento anch’io il desiderio di provare qualcosa di nuovo e, affascinato a mia volta dalle “Combo” di Aaron, decido di seguire Mirco che nel frattempo, causa un infortunio, non ha potuto finire il corso. È l’occasione buona per completare il corso insieme e, infatti, nel luglio 2021 conseguiamo entrambi il brevetto di volo.

Subito iniziamo a fantasticare su cosa potremmo fare con la vela nello zaino e immediatamente l’attenzione cade sulla Marmolada che già abbiamo scalato e sciato insieme. Salire la parete sud arrampicando, per poi volare dalla cima con il parapendio, diventa ben presto uno dei progetti da concretizzare. La formula che vogliamo adottare è di portarsi tutto in spalla, salire e scendere in giornata, motivo per cui scegliamo la classica via Don Quixote, aperta da Heinz Mariacher e Reinhard Schiestl nel 1979: via non di difficoltà tecniche elevate ma che, comunque, impegna per il suo lungo sviluppo di oltre 900 metri.

Arriva così il primo fine settimana di giugno. Sabato sembra sia l’unico giorno con meteo buono, anche se le previsioni danno vento sostenuto da sud per il pomeriggio e il nostro decollo ottimale chiederebbe invece vento da nord. Dubbiosi fino all’ultimo sul da farsi, ci diamo comunque appuntamento a Mas di Sedico il venerdì sera, con il programma di salire con due macchine, di cui una da lasciare al Passo Fedaia nel caso dovessimo scendere a piedi lungo il ghiacciaio (o quel poco che ne resta) se il vento non dovesse permetterci il decollo dalla cima.

Lasciamo la macchina di backup sul Passo Fedaia, scendiamo al parcheggio di Malga Ciapela, dove passiamo la notte nel furgone del Mircone. A dire il vero avevo proposto di salire e dormire al bivacco del rifugio Falier, per ridurre l’avvicinamento al mattino, ma Mirco che ha un bel motore al posto dei polmoni mi ha bocciato l’idea e come sempre mi tocca farmene una ragione.

Ore 4.00
Suona la sveglia, colazione e caffè al volo e con gli zaini carichi ci incamminiamo verso il rifugio Falier.

Ore 7.30
Attacchiamo la via con i primi tiri facili in conserva, vogliamo essere più veloci possibile, con 23 tiri da fare sarà una giornata lunga. Alle 11.30 circa, siamo alla cengia mediana, dove raggiungiamo un’altra cordata: Corrado e Silvia. Riparto io con un traverso appoggiato, sto già soffrendo con i piedi, l’ultimo anno ho scalato pochissimo per dedicarmi interamente al volo e di contro le scarpette sembrano essere più strette di cinque numeri, così lascio il comando a Mirco. Durante la salita ci scambiamo sempre qualche impressione sul vento che non sembra fortissimo, ma che proviene da Sud e per questo sappiamo che non sarà un decollo con il massimo del comfort.

Ore 16.15
Siamo finalmente in vetta, felicissimi di aver terminato la via, ma ancora più felici perché sembra che si possa decollare, il vento non è aumentato. Con due doppie raggiungiamo il ghiacciaio sottostante, la neve è bella cotta, si sprofonda fino al ginocchio e questo potrebbe essere un altro problema per la nostra corsa al decollo.

Ore 17.00
Siamo al decollo appena sotto alla stazione di Punta Rocca. Sono molto tranquillo, quest’anno ho volato tanto, mi sento sicuro e trasmetto la mia sicurezza e positività a Mirco che, al contrario, ha sempre dedicato più tempo alla scalata che al volo. Causa la leggera brezza che arriva alle nostre spalle, le vele stese a terra non rimangono ferme; quindi, suggerisco di fare dei buchi nella neve e seppellire in tre punti il bordo d’attacco. È un metodo che ho già utilizzato in altre due analoghe situazioni, con la neve è un ottimo sistema. Lascio che Mirco si posizioni sopra delle tracce di ciaspole, nel punto in cui la neve più compatta, io rimango alla sua sinistra fuori traccia sperando di farmi portare dal vento essendo più leggero di lui.

«Mirco, il primo momento buono, io parto».
«Ste, per favore aspetta un attimo che sistemo le bretelle».

Ho la foga di partire ma non lascio il mio amico da solo, siamo una coppia fino alla fine e lui mi ha aspettato lungo i tre quarti della via (è una macchina Mirco!). Ancora qualche minuto e siamo pronti, provo a partire ma faccio un passo e sprofondo nella neve fino al ginocchio, se non è battuta non si parte a maggior ragione con il vento da dietro.

«Mirco parti tu, poi io mi sposto dove sei tu».
«Ok Ste, vado».

La rincorsa è perfetta, la traccia delle ciaspole è portante, una cinquantina di metri di rincorsa e Mirco stacca i piedi da terra. Tocca poi a me partire e in pochi secondi mi ritrovo un centinaio di metri sopra il ghiacciaio. Riusciamo a termicare, non è una semplice planata e approfittiamo per gustarci questa meraviglia dall’alto. Siamo d’accordo di atterrare al Passo per recuperare la macchina lasciata come backup.

Ore 18.00
Ci ritroviamo al parcheggio con due mega sorrisi, quasi increduli che tutto sia andato come da programma, felici per essere stati utili ad entrambi (e questa è la cosa più bella per me). Ripiegando le vele già stiamo pensando a cosa faremo prossimamente. Poi, tra un impegno di uno e dell’altro, sono sicuro che passeranno dei mesi prima di rincontrarmi con Mircone, ma sono altrettanto sicuro che quando accadrà ne uscirà un’altra avventura che rimarrà nel cuore di entrambi per tutta la vita.

Stefano Lorenzon

Stefano Lorenzon

Sono Stefano Lorenzon classe 1983. Mi appassionano le avventure, in particolare quelle in montagna con gli amici giusti. Scalare e sciare sono le discipline che più pratico nel tempo libero, dal 2021 vivo la montagna anche attraverso l’aria e il volo libero. Mi diverto sempre.


Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

Il momento sembrava ideale. Mia moglie era andata via definitivamente (no, non era morta.... Il momento sembrava ideale. Mia moglie era andata via definitivamente (no, non era morta. Era finita in Costa Rica con quello che si diceva...

Traversata in solitaria del Parco Nazionale del Sarek (contea svedese di Norrbotten). Nessun sentiero,... Traversata in solitaria del Parco Nazionale del Sarek (contea svedese di Norrbotten). Nessun sentiero, nessun segnavia, poche tracce di uomini e renne. ...

Bici, montagna, fatica e avventura, tutto in un'unica esperienza nello splendido scenario dei Lagorai.... Bici, montagna, fatica e avventura, tutto in un'unica esperienza nello splendido scenario dei Lagorai. Il racconto di Eric Scaggiante, finischer alla 3a edizione della...

Quando la notte grondante rugiada incombeva e i profili dei monti si perdevano nel... Quando la notte grondante rugiada incombeva e i profili dei monti si perdevano nel buio, si accendevano fuochi di larice o di faggio e...

Dipingevo montagne ma sono un tipo di pianura, e i miei paesaggi sono ciò... Dipingevo montagne ma sono un tipo di pianura, e i miei paesaggi sono ciò che resta degli orizzonti di un tempo. ...

Chi mai volete che pensasse al Natale in quei giorni di guerra, figli e... Chi mai volete che pensasse al Natale in quei giorni di guerra, figli e nipoti lontani a spararsi addosso come si spara alla lepre,...

Marta continua il suo viaggio solitario di ricerca e di incontri in India: potrà... Marta continua il suo viaggio solitario di ricerca e di incontri in India: potrà sembrare retorico ma il suo è anche un viaggio interiore,...

"Poi vedremo cosa rimarrà del bosco laggiù, dell’orso, del lupo, e sì, anche dell’uomo.... "Poi vedremo cosa rimarrà del bosco laggiù, dell’orso, del lupo, e sì, anche dell’uomo. Dai, dio ammettilo, hai sbagliato a fidarti di quello" ...

"Dicono che una volta, il mondo, fosse unito – e quassù e laggiù regnasse... "Dicono che una volta, il mondo, fosse unito – e quassù e laggiù regnasse questa bellezza. La chiamavano natura. E goderne non era un...

Storto e serpeggiante contro ogni senso pratico, era posto in una valletta stretta ed... Storto e serpeggiante contro ogni senso pratico, era posto in una valletta stretta ed incassata, vicino alla neve, sotto la punta di una vetta...